COME SI COSTRUISCE UNA PAURA – BORGHESE MEDIO

El borghese medio c’ha paura degli zingheri, de l’extracumunitari, dì cinesi. Che gni entrino nel negozio e gni rubbino. Che nel condominio fan casino, che gni se po di gnente che n’se sa mai come te rispondono. Che n’su na casa sono n’5 pu 10 pu 20. N’se sai mai quanti sono.  Fumano, el telefono sempre n’mano e n’se capisce … Continua a leggere

BORGHESE MEDIO – LE VUTAZIONI

El Borgo co le vutazioni pari n’antro posto. Le buche n’ci son più, le strede venghino asfaltete e te salutino tutti. N’pensevo d’aere così tanti amici che se preoccupassero de come sto. Alla coppe, al pubbone, al pubbino, al cimitero, anche n’domo tutti te salutino, te stringono la mano, te chiedono come come stai. Ci vurrebbiro più spesso le vutazioni. … Continua a leggere

BORGHESE MEDIO – EL PRESEPIO

A chesa mia se fà n’presepio che queli de Napoli al confronto n’palidiscono. C’è la mi mama ch’ogni anno compra ‘na statuina. Ci sà el presepio più affolleto noi che el triengolo dei tre pubbe del borgo el sabbito sera de luglio. Ci san tutti, da quelo cola chepra n’su la schina a quelo che zappa l’orto. Ci sà pure … Continua a leggere

BORGHESE MEDIO – EL REGHELO

La mi citta già a novembre gni piglia el palletico. Deve pensà ai regali de Natele. Ma io dico, ma se potrà vive così? Sembra l’altro giorno che s’era al mere e questa già me parla del Natele. Che pu’ gn’ho detto n’sacco de volte. O n’ce lo facemo el reghelo. Tanto ormai n’se sa manco quello che fasse. Se … Continua a leggere

BORGHESE MEDIO – LA MI CITTA

  Ala mi citta gni pieci arvestisse tutta per bene. Gni pieci spendè i quatrini, n’su le scarpe. Che n’fatti al Borgo c’avemo n’sacco de negozzi de scarpe. Al Borgo c’è più negozi de scarpe che chiese. Ma mica come el Soldini de Anghieri, n’dove costino de meno. No, al Borgo c’avemo la roba de qualità. C’avemo le scarpe che … Continua a leggere

BORGHESE MEDIO – EL TORRINO

El borghese medio và al Torrino. Pe là via d’Arezzo n’do ci sò le dunnine. Ci so’ de tutti i tipi e de tutti i colori. Però và con quele bianche pecchè le negre n’le po vedè. Mica pecchè è razzista. Pecchè n’le po’ vedè. Che gni se fà. Che pu’ sempre meglio andà cole dunnine che coi Transe, come … Continua a leggere

BORGHESE MEDIO – GLI ZINGHERI

El borgese medio è pel Duce, ma vota pe’ la Lega. Che tanto è tutto magna magna e quel’altri partiti pensino solo a rubbere. N’vece la Lega è n’partito che pensa ala gente. E gnene frega niente del potere. Anche si ora è al governo e el potere ci l’ha lei. Che grazie a sti’ comunisti, che al Borgo so … Continua a leggere

BORGHESE MEDIO – “SI C’ERA BENITO”

El borghese medio è pel’ Duce. Che na’ volta l’anno và n’quel de Predappio ala Messa de Benito. Che quando andava a scola c’aveva le croci celtiche disegnate nela cartela. Che quando era con l’amici, pe’ fà i versi, faceva el saluto romano. Che se sà, el Duce sempre ala f… ci conduce. Che se n’cera Mussolini al Borgo n’cera … Continua a leggere

BORGHESE MEDIO – LE FIERE

Al borghese ‘gni piecino le fiere. Tutti l’anni n’vede l’ora c’arivino, perchè tanto se sa che al Borgo c’è solo questo e la balestra a sittembre. Poi però quando arivino n’è mai contento e dice che “c’è sembre la stessa roba”. La cosa che ‘gni pieci de più de le fiere so le mechine a Porta Fiorentina. Ci paserebbe n’anno … Continua a leggere

BORGHESE MEDIO – L’apPERITIVO

Al borghese medio ‘gni piace fare l’apPeritivo. Al borghese medio ‘gni piace sta n’compagnia. Per questo và al barre. Che poi n’sarebbe più n’barre, ma qualcosa de più chic, de più fico. Che quando ci porta na’ citta questa pensa: “Madonna questo n’do me porta. Me sa che c’ha i sordi”. Ci so i vini dapertutto, nele bottiglie bele che … Continua a leggere